La virata (di prua) è il cambio di mure eseguito durante l’andatura di bolina. A differenza dell’abbattuta, l’imbarcazione deve attraversare il settore controvento e, per questo, è necessario che all’inizio della manovra ci sia sufficiente abbrivio.

La manovra in sè è meno problematica della virata di poppa in quanto il passaggio del vento da un lato all’altro dell’imbarcazione, passando da un’andatura di bolina a un’altra bolina, non presenta l’ampio brandeggio del boma da un lato all’altro dell’imbarcazione.

Di base, la sequenza corretta per l’esecuzione della manovra si divide in quattro fasi.

  1. il timoniere ordina all’equipaggio “PRONTI A VIRARE
  2. l’equipaggio verifica che le cime in coperta siano libere (in chiaro) e ognuno risponde “PRONTO” quando è tutto in ordine per la manovra
  3. il timoniere conferma la manovra con “VIRO“, va all’orza con convinzione per evitare che la barca perda l’abbrivio e passa il settore controvento (cambio di mure)
  4. nel momento in cui le vele iniziano a fileggiare, viene lascata la scotta del fiocco da un lato e viene cazzata dal lato opposto per poi rimettere a segno le vele per il nuovo bordo di bolina
Virata di prua