Doveri e responsabilità del comandante, documenti da tenere a bordo, elementi sulla disciplina delle attività balneari, dello sci nautico e della p...

E-Shop Nauticando tante idee di design e di arredamento per la casa e la barcaE-Shop Nauticando tante idee di design e di arredamento per la casa e la barca
Doveri e responsabilità del comandante, documenti da tenere a bordo, elementi sulla disciplina delle attività balneari, dello sci nautico e della p...
Nell'ambito dei campi boa e dei campi di ormeggio delle Aree marine protette:
a) una quota pari al 15% degli ormeggi è riservata alle unità a vela.
b) una quota pari al 15% degli ormeggi è riservata alle unità da pesca.
c) una quota pari al 15% degli ormeggi è riservata alle navi da diporto a propulsione ibrida.
Generalmente, in zona "A" delle Aree Marine Protette la navigazione:
a) non è consentita.
b) è consentita solo previa comunicazione all'Autorità marittima.
c) è consentita.
Generalmente, in zona B delle Aree Marine Protette la navigazione:
a) è sempre consentita.
b) non è mai consentita.
c) è disciplinata dal decreto istitutivo e dal regolamento di gestione.
La dispersione in mare di 5 chili di olio usato (quantità tipo di un motore da 115 HP fuoribordo):
a) è assolutamente vietata ed è capace di inquinare una superficie grande una volta e mezzo un campo da calcio.
b) è possibile solo in alto mare, oltre le 12 miglia dalla costa.
c) è possibile solo in alto mare, oltre le 12 miglia dalla costa, su autorizzazione dell'Autorità marittima.
I segnali di soccorso scaduti (razzi-fuochi a mano-boette fumogene):
a) devono essere conferiti al rivenditore nel momento della loro sostituzione.
b) è consentito spararli per esercitazione.
c) è consentito utilizzarli per uso privato, ma solo in occasione del Capodanno.
In generale, le aree marine protette sono:
a) disciplinate con norme che riguardano la pesca, ma non la navigazione e l'ancoraggio.
b) suddivise in tre zone di tutela denominate A-B-C, alcune hanno una ulteriore zona D.
c) completamente interdette alla navigazione.
Le zone in cui è suddivisa un'Area Marina Protetta sono:
a) disciplinate dal posizionamento di boe.
b) delimitate da coordinate geografiche e riportate nella cartografia allegata al Decreto istitutivo pubblicato in Gazzetta Ufficiale.
c) individuate dall'Ordinanza balneare della Capitaneria di porto.
Generalmente, in zona A delle Aree Marine Protette l'ancoraggio:
a) è consentito solo previa comunicazione all'Autorità marittima.
b) è consentita.
c) non è consentita.
L’interruzione immediata e definitiva delle catture di tonno rosso a scopo sportivo-ricrerativo:
a) è fissata ciascun anno per il successivo dalle Capitanerie di porto competenti
b) è stabilita con decreto del Ministero competente al raggiungimento della quota di pesca assegnata all'Italia.
c) non è prevista, poiché vi sono delle quote assegnate.
Nelle aree marine protette in zona B (riserva generale):
a) sono vietate le immersioni subacquee.
b) è consentita la navigazione a remi e a vela.
c) vige il divieto di accesso per qualsiasi tipo di unità.
Correggi
Ricarica la scheda
Loading...