Portolano, elenco dei fari e segnali da nebbia


Torna alla lista degli argomenti
Ricarica la scheda
Portolano, elenco dei fari e segnali da nebbia
I segnali cardinali indicano:
a) il settore dal quale provengono, in genere, le avverse condimeteo in quella zona.
b) le zone interdette alla navigazione.
c) il lato ove è presente un pericolo e, di conseguenza, dove poter navigare in sicurezza.
Se il Portolano avverte che per un determinato porto i venti di traversìa sono quelli del secondo quadrante, quali considerazioni faremo?
a) in caso di vento di Ponente-Maestro è sconsigliato entrare in quel porto.
b) non ci sono particolari problemi per entrare in porto con venti provenienti dal secondo quadrante.
c) il porto è poco protetto in caso di Levante, Scirocco e Ostro.
Il segnale cardinale che di notte emette sei scintillii, indica:
a) pericolo a ovest: passare a est.
b) pericolo a est: passare a ovest.
c) pericolo a nord: passare a sud.
La distanza della linea dell'orizzonte dell'osservatore è un parametro:
a) che cresce al crescere dell'elevazione della posizione dell'osservatore.
b) che decresce al crescere dell'altezza dell'osservatore.
c) che è sempre costante.
Sulla carta nautica, vicino al simbolo del faro, si legge la scritta "settore rosso". Significa che in quel settore:
a) è interdetta la navigazione.
b) si può navigare solo in caso di emergenza.
c) è consentita la navigazione, ma bisogna prestare attenzione ad un determinato pericolo.
Il "segnale speciale" ha la funzione di indicare:
a) l'assistenza alle attività di pesca.
b) una zona speciale per attività particolari (p.e. presenza di cavi o condutture sottomarine, zone riservate al diporto nautico, presenza di stazioni per raccolta di dati oceanografici etc.).
c) l'assistenza alla navigazione.
Cosa significa la seguente indicazione "F.r. 18M" per un faro?
a) faro isofase con altezza di 18 m sul livello del mare.
b) faro a luce fissa di colore rossa con portata nominale di 18 miglia.
c) faro lampeggiante con lampeggio ad intervalli regolari di altezza e portata nominale pari a 18 miglia.
Di un faro si legge "0.5 - 1 - 0.5 - 2" nell'Elenco Fari e segnali da nebbia:
a) vi sono due fasi di ecclissi ciascuna della durata di 0,5 secondi.
b) vi sono due fasi di luce di cui la prima dura 1 secondo e la seconda ha la durata di 2 secondi.
c) il "periodo" ha una durata di 4 secondi.
Con riferimento alla portata di un segnalamento:
a) se la nominale è superiore alla geografica, si avvisteranno le "spazzate" di luce sopra l'orizzonte.
b) la portata nominale è quella luminosa, in un'atmosfera con visibilità meteorologica di 10 miglia.
c) la portata geografica dipende dall'altezza della sorgente e dall'intensità della luce.
L'abbreviazione “Alt”, presente sulle carte nautiche italiane e riferita alle luci, è utilizzata per indicare:
a) luce alternata.
b) altezza della luce sul livello medio del mare.
c) altezza del segnale.
Correggi
Ricarica la scheda