Deriva e scarroccio


Torna alla lista degli argomenti
Ricarica la scheda
Deriva e scarroccio
Una corrente marina è identificata con:
a) direzione di spostamento e velocità.
b) direzione di spostamento e temperatura.
c) temperatura e velocità.
Quale affermazione, tra le seguenti alternative di risposta, è errata:
a) la prora vera Pv e la prora bussola Pb differiscono tra di loro in base al valore della Variazione magnetica.
b) la prora magnetica Pm e la prora bussola Pb differiscono tra di loro in base al valore della Declinazione magnetica.
c) la prora vera Pv si assume come rotta vera Rv in caso di assenza di elementi perturbatori del moto.
Il moto di superficie di una nave è generato:
a) all'azione del propulsore-eliche ed al vento.
b) alle azioni combinate di vento e corrente.
c) alla sola azione del vento.
Quale affermazione, tra le seguenti alternative di risposta, è errata:
a) navigando per meridiano o sull'equatore si segue un percorso di tipo lossodromico e, nello stesso momento, di tipo ortodromico.
b) navigando per parallelo dal punto A al punto B si segue il percorso più lungo rispetto a quello per circolo massimo passante per i suddetti punti.
c) la rotta Rv lossodromica è quella rotta consistente nel percorso diretto più breve che congiunge due punti A e B.
Lo Scarroccio influisce:
a) solo sulle unità a motore.
b) solo sulle unità a vela.
c) su tutte le unità.
L'angolo di scarroccio è quell'angolo sotto il quale è:
a) deviato il percorso della nave a causa dell'azione della corrente.
b) deviato il percorso della nave per il vento e la corrente.
c) deviato il percorso della nave a causa dell'azione del vento.
Il solcometro ad effetto doppler è diverso dagli altri tipi di solcometri:
a) perché misura la velocità di superficie rispetto alle stratificazioni dell'acqua o al fondo del mare a certe condizioni e quindi può misurare anche la velocità effettiva della nave.
b) perché oltre alla velocità di superficie indica anche la misura del fondale.
c) perché oltre al fondale misura il numero dei giri dell'elica e quindi il moto propulsivo dell'unità.
La deriva è:
a) l'effetto perturbatore prodotto dalla corrente marina sul moto dell'unità.
b) la somma degli effetti prodotti dal vento e dalla corrente marina sul moto dell'unità.
c) l'effetto perturbatore prodotto dal vento sul moto dell'unità.
Lo scarroccio:
a) con lo stesso vento, la velocità di scarroccio è uguale per tutte le navi anche se diverse tra loro.
b) quanto minore sarà l'opera viva dell'unità tanto minore sarà la superficie esposta al vento.
c) dipende dall'intensità del vento, dalla velocità dell'unità, dalla superficie esposta al vento e dal tipo di carena.
Il moto proprio o propulsivo di una nave a motore è generato:
a) dalle azioni combinate dei propulsori-eliche, del vento e della corrente.
b) dalla sola azione dei propulsori-eliche.
c) dalle azioni combinate dei propulsori-eliche e del vento.
Correggi
Ricarica la scheda