Quiz patente nautica entro 12 miglia e oltre 12 miglia
Quiz patente nautica entro 12 miglia e oltre 12 miglia

Deriva e scarroccio

Funzionamento delle eliche ed effetto evolutivo
Hai dubbi sul funzionamento delle eliche e sull'effetto evolutivo?
Vai a questa pagina per scoprirne di più.


Trovi utile Nauticando.net? Dona al progetto.
Per registrare e rivedere le statistiche dei quiz svolti e dei progressi, è necessario effettuare il
Login
Torna alla lista degli argomenti
Ricarica la scheda
Deriva e scarroccio
Il moto di superficie di una nave è generato:
a) all'azione del propulsore-eliche ed al vento.
b) alle azioni combinate di vento e corrente.
c) alla sola azione del vento.
Il moto effettivo di una nave è generato:
a) dalla sola azione dei propulsori-eliche.
b) dalle azioni combinate dei propulsori-eliche e del vento.
c) dalle azioni combinate dei propulsori-eliche, del vento e della corrente.
Il moto effettivo è definito dai seguenti termini:
a) Rv (angolo di rotta vera) e Ve (velocità effettiva).
b) Rsup (angolo di rotta di superficie) e Vsup (velocità di superficie).
c) Pv (angolo di prora vera) e Vp (velocità propria o propulsiva).
L'angolo di deriva è quell'angolo sotto il quale è:
a) deviato il percorso della nave a causa dell'azione del vento.
b) deviato il percorso della nave a causa dell'azione della corrente.
c) deviato il percorso della nave per effetto del vento e della corrente.
Affinché la linea di egual fondale possa essere proficuamente utilizzata, in accoppiata ad un secondo luogo di posizione, è necessario:
a) attraversare la batimetrica con un angolo prossimo ai 90 gradi e in quell'istante rilevare un punto cospicuo a terra.
b) rilevare anche il luogo di egual latitudine passante per il punto sul fondale rilevato con gli strumenti di bordo.
c) rilevare il fondale con lo scandaglio in presenza di alta marea per l'attendibilità del dato rilevato.
La velocità propria o propulsiva (Vp) è quella velocità impressa alla nave a motore:
a) unicamente dal suo propulsore-elica.
b) dal suo propulsore-elica e dalla corrente.
c) dal suo propulsore-elica e dal vento.
A parità di corrente, la deriva:
a) tanto è maggiore quanto è minore l'opera viva e quanto è maggiore il pescaggio della nave in questione.
b) tanto è maggiore quanto è maggiore sia l'opera viva sia il pescaggio della nave in questione.
c) è eguale per tutte le navi seppur diverse in forma e dimensione.
La velocità effettiva (Ve) altro non è che la velocità:
a) rispetto al fondo marino.
b) di scarroccio e deriva.
c) della superficie dell'acqua.
Eccetto i casi teorici di scarroccio di prora ovvero di poppa, lo scarroccio positivo o negativo è:
a) quello scarroccio avente lo stesso segno della deviazione ovvero avente il segno opposto.
b) lo scarroccio E o W.
c) lo spostamento laterale che avviene rispettivamente a dritta o a sinistra rispetto alla prora della nave.
Quale affermazione, tra le seguenti alternative di risposta, è errata:
a) l'effetto del vento sul moto effettivo di una nave varia da nave a nave.
b) il vento va, la corrente viene.
c) il moto della corrente è indipendente dalle caratteristiche della nave.
Correggi
Ricarica la scheda
Per migliorare la tua esperienza di navigazione questo sito web utilizza i cookie. Accettando di utilizzare questo sito senza modificare le tue preferenze relative ai cookie, autorizzi il loro utilizzo. Puoi eliminare e bloccare tutti i cookie di questo sito web ma alcuni elementi del sito potrebbero non funzionare correttamente. Per maggiori informazioni consulta la nostra informativa per i cookie.
Accetto