Atmosfera, vento, correnti, lettura della carta del tempo


Torna alla lista degli argomenti
Ricarica la scheda
Atmosfera, vento, correnti, lettura della carta del tempo
In una bassa pressione i valori:
a) aumentano dal centro verso l'esterno.
b) diminuiscono dal centro verso l'esterno.
c) sono inferiori a 940 hPa.
Un fronte stazionario indica:
a) una persistente situazione di stallo e di maltempo.
b) un fronte attivo di temporali.
c) un fronte che si muove poco.
La direzione del moto orizzontale del vento al suolo è la risultante della forza di Coriolis e della forza di attrito?
a) sì, perchè sono le uniche forze esistenti in natura.
b) sì, ma anche della forza di gradiente barico e della forza centrifuga e tutte le forze entrano in gioco secondo una concatenazione di eventi prestabilita dalle stesse forze.
c) no, bensì della sola forza di Coriolis.
Con riguardo agli elementi identificatori dell'onda, la lunghezza di un'onda è data dalla distanza:
a) orizzontale tra due incavi successivi.
b) orizzontale tra due creste successive.
c) verticale tra la cresta di un'onda e l'incavo dell'onda successiva.
Gli strati verticali dell'atmosfera (tutti nell'ordine, salendo di quota) sono:
a) troposfera, stratosfera, termosfera, idrosfera.
b) termosfera, mesosfera, idrosfera e troposfera.
c) troposfera, stratosfera, mesosfera, termosfera.
Con quale sigla sono individuate le carte del tempo che si riferiscono ad analisi al suolo attuali?
a) AU.
b) US.
c) AS.
Generalmente si considera che, dopo un periodo di vento da nord, una calma di vento faccia prevedere:
a) l'arrivo di venti da sud.
b) l'arrivo di venti da ovest.
c) non si possono fare previsioni.
Ci posizioniamo in modo da prendere il vento in faccia:
a) deduco che proprio di fronte alla nostra posizione di osservazione c'è una zona di bassa pressione.
b) deduco che avanti e sulla sinistra rispetto alla nostra posizione di osservazione c'è una zona di alta pressione.
c) deduco che indietro e sulla destra rispetto alla nostra posizione di osservazione c'è una zona di alta pressione.
Riguardo alla struttura del vento:
a) un vento è teso quando la direzione media rimane costante per un certo periodo di tempo mentre la velocità media muta continuamente.
b) un vento è teso quando la direzione media muta continuamente mentre la velocità media rimane costante per un certo periodo di tempo.
c) un vento è di groppo quando direzione e velocità medie variano notevolmente ed improvvisamente, come accade nel corso di temporali.
Generalmente, al passaggio di un fronte freddo:
a) la pressione diminuisce in modo irregolare, inoltre la temperatura e l'umidità sono in aumento.
b) la visibilità peggiora, vi sono nubi di tipo altostratiforme e nebbie.
c) la pressione aumenta bruscamente, il vento rinforza con raffiche.
Correggi
Ricarica la scheda