Atmosfera, vento, correnti, lettura della carta del tempo


Torna alla lista degli argomenti
Ricarica la scheda
Atmosfera, vento, correnti, lettura della carta del tempo
Ci posizioniamo in modo da prendere il vento in faccia:
a) deduco che proprio di fronte alla nostra posizione di osservazione c'è una zona di bassa pressione.
b) deduco che avanti e sulla sinistra rispetto alla nostra posizione di osservazione c'è una zona di alta pressione.
c) deduco che indietro e sulla destra rispetto alla nostra posizione di osservazione c'è una zona di alta pressione.
Le masse d'aria in una zona anticiclonica nell'emisfero nord si muovono:
a) in senso antiorario (nell'emisfero nord) e dal centro di alta pressione verso l'esterno di tale campo barico.
b) da nord a sud (nell'emisfero nord) e dal centro di alta pressione verso l'esterno di tale campo barico.
c) in senso orario (nell'emisfero nord) e dal centro di alta pressione verso l'esterno di tale campo barico.
Il termine Stau indica un vento:
a) che, a causa di un ostacolo orografico, sale di quota lungo il versante sopravento cui consegue un raffreddamento forzato della temperatura dell'aria originando tempo perturbato, nuvolosità estesa e pioggia.
b) che, a causa del riscaldamento forzato della temperatura dell'aria e dell'allontanamento della saturazione, assicura cielo sereno, temperature più alte rispetto al versante sopravento, assenza di nubi e buona visibilità.
c) di tipo katabatico.
In base al fenomeno cosiddetto "effetto girasole", in ragione del progressivo riscaldamento della terraferma:
a) la brezza di mare, mentre aumenta d'intensità nel corso della giornata, muta la direzione di provenienza in senso anticiclonico passando da una direzione normale al profilo di costa ad una direzione ad essa parallela.
b) la brezza di terra, mentre aumenta d'intensità nel corso della giornata, muta la direzione di provenienza in senso ciclonico passando da una direzione normale al profilo di costa ad una direzione ad essa parallela.
c) l'effetto girasole non riguarda i venti di brezza.
La corrente di marea:
a) si verifica in acque relativamente basse e negli stretti, e relative adiacenze, colleganti due bacini.
b) è un fenomeno stagionale.
c) la massa d'acqua interessata ha una sua densità e temperatura diversa dalla massa d'acqua circostante.
Nube e nebbia:
a) la nube è quell'idrometeora in sospensione nell'aria mentre la nebbia è quell'idrometeora al suolo.
b) la nebbia è più pesante e fitta della nube e quindi scende al suolo.
c) entrambe sono idrometeore in sospensione nell'atmosfera.
Con riguardo agli elementi identificatori dell'onda, la lunghezza di un'onda è data dalla distanza:
a) orizzontale tra due incavi successivi.
b) orizzontale tra due creste successive.
c) verticale tra la cresta di un'onda e l'incavo dell'onda successiva.
Generalmente si considera che, dopo un periodo di vento da nord, una calma di vento faccia prevedere:
a) l'arrivo di venti da sud.
b) l'arrivo di venti da ovest.
c) non si possono fare previsioni.
Con quale sigla sono individuate le carte del tempo che si riferiscono ad analisi al suolo future?
a) US.
b) AUF.
c) FS.
In genere la pressione aumenta se:
a) spirano venti freddi dal 4° e 1° quadrante.
b) spirano venti freddi dal 2° e 3° quadrante.
c) nessuna delle due affermazioni suddette è corretta.
Correggi
Ricarica la scheda