Deriva e scarroccio


Torna alla lista degli argomenti
Ricarica la scheda
Deriva e scarroccio
L'angolo di rotta vera e l'angolo di prora vera possono coincidere in presenza di deriva e/o scarroccio?
a) si, sempre.
b) no, mai.
c) si, ma solo se provengono esattamente da prora o da poppa.
Quale affermazione, tra le seguenti alternative di risposta, è errata:
a) la rotta è l'insieme dei punti della superficie terrestre sui cui la nave è passata o dovrà passare; è il cammino della nave rispetto al fondo marino.
b) la rotta Rv sulla carta di mercatore è l'arco di cerchio massimo congiungente il punto A con il punto B.
c) l'angolo di rotta Rv è l'angolo che il percorso della nave in ciascun punto forma con la direzione Nord del meridiano geografico.
Quando il dato della velocità fornito dal solcometro non è attendibile?
a) in caso di presenza di vento.
b) in caso di presenza di corrente.
c) mai, è sempre attendibile perché tiene conto di deriva e scarroccio.
La velocità propria o propulsiva (Vp) è quella velocità impressa alla nave a motore:
a) unicamente dal suo propulsore-elica.
b) dal suo propulsore-elica e dalla corrente.
c) dal suo propulsore-elica e dal vento.
L'angolo di prora vera si legge:
a) sulla rosa dei venti delle carte nautiche.
b) non si può leggere, non conoscendo l'angolo di deriva e/o di scarroccio.
c) in corrispondenza della linea di fede della bussola.
Le prove di velocità si effettuano:
a) in appositi corridoi delimitati da boe.
b) lungo le basi misurate di cui alla pubblicazione n. I.I.3045 edita dall'I.I.M.M.
c) immediatamente fuori dai porti.
Come mai in navigazione il vento appare diverso da quello reale?
a) è solo apparenza, in realtà i due venti hanno uguale provenienza.
b) perché a quello reale si somma, vettorialmente, il vento dovuto al moto della nave.
c) perché il bordo libero della nave e le tughe deviano il moto del vento.
Affinché la linea di egual fondale possa essere proficuamente utilizzata, in accoppiata ad un secondo luogo di posizione, è necessario:
a) attraversare la batimetrica con un angolo prossimo ai 90 gradi e in quell'istante rilevare un punto cospicuo a terra.
b) rilevare anche il luogo di egual latitudine passante per il punto sul fondale rilevato con gli strumenti di bordo.
c) rilevare il fondale con lo scandaglio in presenza di alta marea per l'attendibilità del dato rilevato.
L'angolo di rotta può variare:
a) tra 0 e 360 gradi in senso anti-orario a partire da Nord.
b) tra 0 e 180 gradi verso Est o verso Ovest a partire da Nord.
c) tra 0 e 360 gradi in senso orario a partire da Nord.
Navighiamo con il vento di poppa, la cui direzione coincide con la direzione del moto della nave:
a) si ha un effetto sulla velocità della nave ma non sulla direzione del suo percorso.
b) si ha un effetto sulla velocità della nave ed anche sulla direzione del suo percorso.
c) si ha un effetto non sulla velocità della nave ma sulla direzione del suo percorso.
Correggi
Ricarica la scheda